Ieri sera, 1 marzo 2019 si è concluso a Roma  “Essere qui Tour- EXIT EDITION” di Emma Marrone, che l’ha vista protagonista con nove tappe del tour in tutta Italia. A riscaldare il pubblico prima dell’arrivo di Emma sul palco ci pensano Antonino Spadaccino, da poco tornato da un’esperienza formativa e importante come X-Factor UK, dove ha ricevuto una standing ovation che lo ha aiutato per l’ispirazione di nuove canzoni come “Wake up call” canzone simbolo dell’omonimo album, e Michele Merlo, anche lui proveniente dalla scuola di Amici di Maria De Filippi, che, fra i vari brani, ha presentato il suo ultimo singolo “Mare” festeggiando con il calore del pubblico quello che dice essere il suo più bel compleanno.

Con il Palalottomatica pieno, e la folla in visibilio, arriva Emma grintosissima, apre il suo concerto con la canzone “Effetto Domino”, seguono successi come “Le ragazze come me” e “Occhi profondi” ma anche brani classici del suo repertorio, come l’immancabile “Calore”, canzone simbolo del suo album “Oltre” del 2010, che la portò alla vittoria ad Amici di Maria de Filippi e che rappresenta l’inizio di una carriera piena di successi.  Emma si mostra piena di energia e sexy sul suo palco davanti al suo pubblico, ma anche fragile, offrendo una versione acustica di canzoni come “Schiena” e “Nel posto più lontano”. Si racconta emozionatissima, essendo presenti nel palazzetto tutti i suoi famigliari ai quali dedica un grande applauso, e un ringraziamento commuovente ai genitori;  la famiglia ricambia con una sorpresa, durante la canzone “Mi parli piano” sale sul palco il papà di Emma, Rosario Marrone e l’accompagna con la chitarra durante il brano, essendo anche lui musicista. La serata è un mix di divertimento e di emozione, Emma balla, canta, ride e piange, e il suo pubblico con lei. Non manca il contatto fisico, Emma scende fra il pubblico in diverse occasioni per stare più vicino ai suoi fans. Poco prima di salire sul palco, sui social, Emma scrive “ Le lacrime che mi rigano il viso sono solo di felicità. Solo di felicità” e ringrazia così i fan che l’hanno supportata per quello che dice essere il suo disco del cuore, “Essere qui”.

Emma non si risparmia,  si concede tre cambi d’abito che i presenti possono intravedere sullo schermo con delle luci soffuse che non nascondono le sue forme sexy; prosegue per due ore il suo concerto, portando quasi tutti i suoi più grandi successi fra cui anche il brano che le fece vincere il Festival di Sanremo nel 2012 “Non è l’Inferno” e il pubblico si infuoca, così come anche per “Cercavo Amore” e il più recente “Mondiale”. Termina il suo concerto con il brano “Inutile canzone”, saluta i fan, ringrazia tutti e si stende sul palco per l’immensa ovazione che riceve; infatti il pubblico le concede una bellissima standing ovation a fine concerto, Emma promette che tornerà molto presto e noi siamo qui ad aspettarla.

Scaletta:
“Effetto domino”
“Le ragazze come me”
“Occhi profondi”
“Trattengo il fiato”
“Nucleare”
“Sorrido lo stesso”
“Schiena”
“Nel posto più lontano”
“Coraggio”
“Portami via da te”
“L’amore non mi basta”
“Non è l’inferno”
“Le cose che penso”
“Mondiale”
“Resta ancora un po’”
“Arriverà l’amore”
“Calore”
“Sarò libera”
“Amami”
“Quando le canzoni finiranno”
“L’isola”
“Mi parli piano”
“Luna e l’altra”
“Incredibile voglia di niente”
“Malelingue”
“Sottovoce”
“Cercavo amore”
“La mia città”
“Il paradiso non esiste”
“Inutile canzone”